Robert Lewandowski è stata la grande scommessa del Barcellona dopo Messi. Non ha dato i suoi frutti del tutto

Robert Lewandowski è stata la grande scommessa del Barcellona dopo Messi.  Non ha dato i suoi frutti del tutto
Robert Lewandowski è stata la grande scommessa del Barcellona dopo Messi.  Non ha dato i suoi frutti del tutto

«Tutto ciò che Robert ha vinto al Bayern Monaco, i gol che ha segnato, è stato tutto con l’obiettivo di finire dove è adesso: giocare per il Barcellona».

La carriera di Robert Lewandowski è stata piena di obiettivi, ma due estati fa ha realizzato quella che è giusto descrivere come la sua massima ambizione. La citazione sopra proviene da una fonte molto vicina all’attaccante 35enne, che, come tutti quelli citati in questo articolo, ha preferito parlare in modo anonimo per proteggere i rapporti.

Firmare per il Barça era un obiettivo di lunga data di Lewandowski. Ma da quando si è iscritto per 45 milioni di euro (38,5 milioni di sterline; 48,7 milioni di dollari ai tassi attuali) nel luglio 2022, non tutto è andato così roseo come si sarebbe aspettato. Questa stagione non è stata delle migliori e si è sviluppata incertezza intorno alla sua posizione nel club, anche se l’andata degli ottavi di finale di Champions League di questa settimana in casa del Napoli arriva quando ha iniziato a mostrare una forma migliore sotto porta.

Lewandowski è stato la stella dello spettacolo nella vittoria del Barcellona nella Liga in casa del Celta Vigo sabato, segnando una doppietta che includeva un vincitore al 97′ su rigore, e ora ha quattro gol nelle ultime tre partite del Barça.

Questo recente slancio, tuttavia, si presenta come un raro punto positivo se si guarda indietro a quella che è stata finora una stagione molto deludente al Barcellona. Lewandowski non è stato l’unico giocatore a sottoperformare, ma il suo status di giocatore privilegiato lo espone a ulteriori controlli e preoccupazioni più ampie sulla sua idoneità crescono da tempo.

L’arrivo di Lewandowski al Barça doveva segnare il vero punto di partenza di un nuovo progetto sotto Xavi. Uno dei marcatori più prolifici d’Europa doveva fungere da modello per una nuova generazione e aiutare il club a dimenticare la traumatica partenza di Lionel Messi.

Ora, quel «progetto» è sostanzialmente già crollato, con Xavi che si dimetterà alla fine della stagione. E Lewandowski sembra pronto per una finestra di trasferimento tesa in estate, con alcuni nel club già decisi a cercare una vendita, a meno che non riesca a dimostrare che gli scettici si sbagliano.


“Molte persone credono che il Barcellona abbia bisogno di un giocatore in franchising. Un punto di riferimento che vende magliette, rappresenta l’immagine pubblica della squadra e diventa motivo per attirare tifosi allo stadio. In fondo, questo è stato il motivo dietro alla firma di Lewandowski nel 2022”.

Così una fonte della prima squadra del club descrive la scommessa fatta dal Barcellona due estati fa con l’acquisto di Lewandowski dal Bayern. L’estate precedente aveva visto la più grande leggenda del club, Messi, andarsene in lacrime, mentre altre figure chiave come Gerard Pique, Sergio Busquets e Jordi Alba sembravano raggiungere le fasi finali della loro carriera in Catalogna. Si decise che il Camp Nou aveva bisogno di un nuovo idolo e il presidente Joan Laporta guardò a Lewandowski.

L’accordo per portarlo non sfuggì del tutto alle critiche dell’epoca. Nell’estate del 2021, il Barcellona ha deciso di non prolungare il contratto di Messi, con termini già concordati, per aiutare a risolvere i problemi finanziari del club. Un anno dopo, hanno speso 45 milioni di euro per un Lewandowski, 33 anni, firmandogli un contratto triennale con un’opzione per un quarto. Ad agosto compirà 36 anni.

Se l’affare Messi fosse stato concluso, l’argentino avrebbe guadagnato 20 milioni di euro nel primo anno del suo nuovo contratto, per poi vedere il suo stipendio aumentare notevolmente. Secondo quanto riferito, lo stipendio annuale di Lewandowski, in media su quattro anni, è fissato a 26 milioni di euro.

Ma Lewandowski ha iniziato a correre. Nel 2022-23, ha segnato 33 gol e fornito otto assist in tutte le competizioni. È stato il capocannoniere della Liga con 23 reti quando il Barça ha vinto il primo titolo in quattro anni. Nonostante abbiano subito ancora una volta il fallimento della Champions League (sono stati eliminati nella fase a gironi), i tifosi del Barça avevano qualche motivo di sperare di vedere l’inizio di qualcosa di più grande.

Tuttavia, potresti anche vedere i primi segnali di problemi che iniziano a svilupparsi dove sono ora.

La Coppa del Mondo 2022 è stata chiaramente il punto di svolta nella stagione d’esordio di Lewandowski. Prima dell’inizio, ha segnato 13 gol nelle prime 15 partite della stagione della Liga, ottenendo anche cinque gol in Champions League.

Dopo essere reduce da una prestazione deludente con la Polonia (ha segnato due gol ed è stata eliminata agli ottavi dalla Francia), niente è stato più come prima. Lewandowski ha perso un po’ della sua scintilla, il che può essere normale in una stagione, ma alla fine non è mai tornata.

Lewandowski ha giocato altre 19 partite nella Liga dopo Qatar 2022, segnando 10 gol, di cui quattro con il titolo già assicurato. Cominciarono ad apparire le tensioni nello spogliatoio, così come la frustrazione con se stesso. Ma la cosa più significativa è che è diventato chiaro che la migliore versione del Barcellona di Xavi non era del tutto compatibile con il suo stile di gioco preferito.

La vittoria del Barça nella Supercopa de Espana sul Real Madrid nel gennaio 2023 è ancora senza dubbio la prestazione più convincente sotto il mandato di Xavi. Hanno surclassato i loro rivali del Clasico in una vittoria per 3-1 innescata da una modifica tattica: sacrificare un’ala per un altro corpo in un centrocampo a quattro.

Xavi era convinto che fosse la strada da seguire, nonostante l’effetto che ebbe su Lewandowski.

«Ho capito che questa squadra aveva bisogno di più controllo e meno transizioni ed è per questo che abbiamo cambiato un po’ il nostro approccio», ha detto il giorno in cui il Barça è stato incoronato campione del campionato dopo la vittoria sui rivali cittadini dell’Espanyol, nel maggio dello scorso anno.

“Ci siamo sentiti meglio nel controllo della palla e ho dato priorità ai giocatori che non perdevano il possesso palla. È così che intendo il calcio, appartiene a quel tipo di giocatori: i centrocampisti che sanno sempre tenere la palla.“

Lewandowski non vedeva le cose così positivamente. In un’intervista esclusiva con L’Atletico durante il tour pre-campionato del Barça la scorsa estate, ha descritto come fosse rimasto frustrato dal cambiamento. Sapeva che perdere un’ala significava meno possibilità di ricevere palloni e cross in area, l’area più forte del suo gioco.

VAI PIÙ PROFONDO

Intervista esclusiva a Robert Lewandowski: «Barcellona è ancora il posto dove stare»

C’era una situazione da risolvere qui. Dal punto di vista tattico, la squadra doveva trovare una soluzione migliore per il suo attaccante principale. Da parte del giocatore, aveva bisogno di recuperare la forma mostrata nel 2022.

Invece di trovare una soluzione, le cose sono solo peggiorate.


I quattro gol di Lewandowski in tre partite sono seguiti a un periodo di siccità durato sei partite (DAX Images/NurPhoto tramite Getty Images)

“Non possediamo la qualità del Barcellona 2010, semplicemente non ce l’abbiamo. Dobbiamo toglierci i calzini. Se non corriamo come animali non vinceremo le partite. Se non possiamo essere clinici, dobbiamo avere un’anima come squadra. Questo è il Barcellona, ​​le cose devono cambiare”.

Dopo l’ultima partita di campionato della sua squadra del 2023, Xavi ha rivolto le sue parole più critiche come allenatore del Barça. Erano appena riusciti a farla franca vincendo 3-2 contro l’Almeria, ultima squadra della Liga, in una partita in cui stavano pareggiando 1-1 all’intervallo.

Pochi giorni dopo, è emerso che Lewandowski era stato oggetto di forti critiche da parte di Xavi in ​​un discorso nello spogliatoio a metà tempo che si scagliava contro la mancanza di intensità e aggressività tra i suoi giocatori.

A quel punto, fonti dello staff tecnico avevano già iniziato a descrivere l’efficacia dei gol di Lewandowski come inferiore a quanto previsto. Pensavano anche che avesse perso parte della sua forza nei duelli individuali ed erano preoccupati per il peggioramento del suo gioco di collegamento.

Confrontando le sue statistiche della Liga di questa stagione e dell’ultima (secondo Fbref.com), Lewandowski ha un tasso simile di palloni controllati male a partita (circa 2,7) e di duelli aerei vinti (53,6% la scorsa stagione; 52,8% in questa stagione). Ma il suo tasso di successo nei passaggi è diminuito in modo significativo.

Per gli abbonamenti brevi si registra un calo dall’83,9% della scorsa stagione al 77,7% di questa stagione, mentre per gli abbonamenti a medio raggio si scende dal 77,1% al 71,4% e per quelli a lungo raggio dal 65,2% al 55,6%. .

I dati sui suoi goal attesi (xG) non sembrano poi così male a questo punto. Nel 2022-23, ha segnato 23 gol da 24,3 xG nella Liga, mentre in questa stagione è a 12 gol da 14,6 xG.

Tuttavia, vale la pena sottolineare che, prima dei suoi quattro gol nelle ultime tre partite di campionato del Barça, era a otto gol da 12.1xG e aveva segnato solo tre gol nella competizione da settembre (con due partite per infortunio).

Lewandowski finora ha segnato 17 gol e fornito sei assist in 33 partite in tutte le competizioni in questa stagione. Il suo gol vincente contro il Celta sabato è stato il suo 50esimo con il Barça.

Eppure in questa stagione Xavi lo ha sostituito quattro volte con una squadra in pareggio e bisognosa di gol (contro Real Sociedad, Las Palmas, Real Betis e Villarreal). È anche chiaro che i compagni di squadra hanno faticato a connettersi con lui. La scorsa stagione ha registrato una media di 34,3 tocchi a partita di campionato. La sua media finora in questa campagna è 26,7.

È tutta colpa di Lewandowski se ha numeri leggermente inferiori in questa fase della sua carriera? Probabilmente no, e chiaramente anche il cambio di sistema di Xavi ha avuto un effetto.

Ma anche fuori dal campo ci sono stati problemi.


Lewandowski e Yamal, fotografati a settembre (Pedro Salado/Quality Sport Images/Getty Images)

Lewandowski è noto per essere un personaggio onesto. Non appena crede che qualcosa non va, lo dirà. Ciò ha portato ad alcuni momenti di attrito.

Nel febbraio dello scorso anno, fonti nello spogliatoio avevano affermato che dopo che il Manchester United aveva eliminato il Barça dall’Europa League all’Old Trafford, Lewandowski aveva avuto uno scambio verbale con Ansu Fati, che aveva criticato per essere troppo egoista e per non essersi unito ai compagni di squadra quando lui aveva opzioni migliori che sparare.

In questa stagione, a novembre contro il Deportivo Alaves, abbiamo visto anche Lewandowski lamentarsi con il 16enne Lamine Yamal quando l’esterno ha deciso di tirare invece di crossare.

Ma questo attrito non rivela un rapporto fondamentalmente pessimo, e nessuno nello spogliatoio ha mai dubitato dell’impegno di Lewandowski nei confronti della squadra. Quando Xavi ha comunicato personalmente ai giocatori la sua decisione di dimettersi, il giorno dopo averlo annunciato in una conferenza stampa post partita di gennaio, Lewandowski ha mostrato il suo apprezzamento per il lavoro svolto in un momento difficile per il club. Xavi ne fu particolarmente commosso.

Ore dopo, Lewandowski ha dimostrato di poter ancora essere annoverato tra i leader dello spogliatoio organizzando una cena di squadra nella sua casa di Castelldefels, alla quale hanno partecipato tutti i giocatori della prima squadra. Si è trattato di un’attività di team building, svolta con l’approvazione del club, per aiutare a concentrare gli pensieri sul resto della stagione a venire.


Allora, quale sarà il futuro di Lewandowski al Barcellona?

Con il Barcellona che deve vendere giocatori prima di pensare a come rimodellare la propria squadra quest’estate (e nominare un nuovo allenatore), diverse fonti senior del club affermano che accoglierebbero con favore un’offerta redditizia per lui.

VAI PIÙ PROFONDO

Il Barcellona dovrà vendere quest’estate, quindi a chi potrebbe rivolgersi per andare avanti?

Ma qui – come con molti altri di quelli che il Barça vorrebbe idealmente andare avanti – il potere è dalla parte del giocatore. Sotto contratto almeno fino al 2025, non ha voglia di andarsene. Crede anche pienamente di essere in grado di superare il suo recente calo di forma e di tornare costantemente al suo meglio da gol.

Lewandowski sognava da anni di approdare al Barcellona e fonti vicine al giocatore affermano di comprendere come l’atmosfera intorno al club possa diventare particolarmente amara quando le cose non vanno secondo i piani.

In termini di contratto, ha un altro anno completamente garantito prima di un’opzione per un quarto che verrà attivata automaticamente se giocherà oltre il 55% delle partite del Barça nel 2024-25.

Tuttavia, possiamo aspettarci che la pressione possa arrivare in estate, sotto forma di resoconti dei media che suggeriscono quanto la sua partenza potrebbe essere vantaggiosa per le finanze del club. Il campo di Lewandowski è pienamente consapevole di quello che è successo con Frenkie de Jong nel 2022, quando il Barça ha trascorso l’estate cercando di costringerlo a lasciare.

Ma, per il momento, nonostante i dubbi di un team di allenatori pronto a partire, nonostante la tensione e il controllo aggiuntivi che la sua posizione comporta, Lewandowski è esattamente nel posto in cui vuole essere. E per lui e il Barcellona non dovrebbe esserci preoccupazione immediata più urgente della trasferta di mercoledì a Napoli.

(Foto in alto: DAX Images/NurPhoto tramite Getty Images)


Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *